Io penso. Io aspetto.

    Io penso.

    Io penso che noi uomini possiamo aspirare a qualcosa di più.  Qualcosa di più di squallidi programmi televisivi, di squallida pubblicità, di squallide partite a pallone. Di squallidi uomini politici. Io penso che noi uomini dovremmo cercare di comprendere il Mondo, di sconfiggere l’ingiustizia, le mafie, i mafiosi che ovunque albergano; di sconfiggere la sofferenza. Io penso che dovremmo ascoltare musica vera.

    Io penso. E mentre penso, aspetto:

 

Io aspetto.

Aspetto
la caduta
dei folli
e degli sciocchi,
di chi non ha
niente da dire
ma vuole parlare
e non sa ascoltare.

Aspetto
il regno
dei saggi,
la gloria
degli umili
e dei miti,
dei puri
e dei buoni.

E in quest’attesa
costruisco barriere
impenetrabili,
a difesa
di fortezze
inespugnabili.
E affilo,
affilo
i miei coltelli.

Io penso. Io aspetto.ultima modifica: 2009-01-28T17:33:00+00:00da oivalf1
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Io penso. Io aspetto.

  1. Grazie…. ho visitato il tuo blog veramente molto interessante. Ho visitato anche il tuo sito, complimenti vivissimi. Mi ha aiutato molto a riflettere. Ti faccio anche i miei complimenti per le poesie, veramente belle……. Sono un lettore di poesie. Se poi tu mi darai il consenso qualcuna la pubblicherò sul mio blog con sotto scritto il tuo nome… ciao e ancora complimenti.

Lascia un commento